Nokia e Microsoft pagheranno per avere app di qualità sul nuovo store?

Nokia e Microsoft devono impegnarsi al massimo per rendere la nuova piattaforma il più appetibile possibile e l’appetibilità passa necessariamente dal numero e dalla qualità delle applicazioni presenti. E poiché si è deciso di non far fare il porting delle applicazioni Qt ci si ritrova in una situazione abbastanza imbarazzante.

Molti degli sviluppatori l’avevano chiesto a gran voce: fate il porting di Qt su Windows Phone! Una richiesta molto semplice per poter riconvertire rapidamente tutto il lavoro già fatto, anche perché Qt serviva proprio a questo: code less, deploy everywhere. Stephan Elop invece ha subito chiuso la porta con delle affermazioni molto precise in cui escludeva la possibilità pur dicendo che Qt era un asset importante di Nokia.

Gli sviluppatori hanno in parte abbandonato Nokia che adesso però si ritrova con la necessità di rendere interessante il nuovo store per i Windows Phone e non sa come fare. Si sta quindi valutando la possibilità di pagare gli sviluppatori anche solo per fare il porting da Android o iOS!

Sono quindi molto lontani i tempi in cui Nokia pretendeva un’iscrizione da 50 euro e altri 50 euro per ogni richiesta di pubblicazione sullo store. Si potrebbe addirittura venir pagati a prescindere dal successo dell’app. Una cosa interessante per gli sviluppatori piccoli, non per i grandi che guadagnano molto di più vendendo l’app agli utenti sulle piattaforme che attualmente sono diffuse.

Da questo punto di vista le scelte strategiche di Elop si stanno dimostrando alquanto fallimentari. Intanto non c’è ancora uno smartphone Nokia con Windows Phone sul mercato e quindi non è dato sapere quale sarà l’atteggiamento reale dei clienti riguardo la nuova piattaforma.

 

2 thoughts on “Nokia e Microsoft pagheranno per avere app di qualità sul nuovo store?”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *